Marco Spolti buon anniversario

Omaggio a un caro amico e collega
10 Maggio 2024

Marco è una cara persona e un collega. Una persona che merita attenzione per 1000 motivi, inoltre porta una testimonianza importante. Tutti passiamo dall’essere OWD, tutti possiamo migliorarci, passare ad una subacquea ricreativa più avanzata, consapevole, che ci offra maggiore sicurezza ed eleganza in acqua. Fatto i vari percorsi, possiamo introdurci nel mondo tecnico e li si aprono nuovi orizzonti

Lui lo ha fatto. arrivando a fare immersione importanti con attrezzature diverse, leggi la sua Storia.

Marco al suo corso OWD

“Che dire …

10 anni fa facevo il mio esame OWD ed entravo ufficialmente nel mondo della subacquea. Di quel giorno con la mia prima immersione al Cristo degli Abissi nella baia di San Fruttuoso ricordo molto bene il fatto di aver visto una coppia di delfini durante il viaggio, come ricordo bene che, essendoci un mare pessimo, ho realizzato che far colazione con brioches alla crema non sia stata proprio la scelta migliore. Ricordo anche i pesci ed esseri marini visti per la prima volta nel mare!

Va beh l’esperienza insegna, come del resto insegna chi ho avuto come istruttore e mi ha introdotto in questo mondo stupendo. Immersione dopo immersione si arricchisce costantemente il nostro bagaglio professionale.

Questo mondo è entrato con decisione nella mia vita nel bene e nel male, poiché come in tutto ci sono esperienze positive e negative, belle e brutte, piacevoli e dolorose, ma alla fine è un mondo del quale non posso fare assolutamente a meno. Mi ha dato e mi da tanto, ma a volte toglie anche; poiché non sempre va tutto come si vorrebbe.

Sono entrato in punta di piedi, seppur l’acqua sia il mio elemento, ma sempre col rispetto che il mondo acquatico richiede, sempre anche con quel timore e attenzione che si deve sempre avere.

Da semplice OWD ho cominciato ad avere la passione per la fotografia e mi sono divertito anche parecchio ad andare a ricercare la giusta immagine, cercando di immortalare dei piccoli esserini che non sapevo neppure esistessero, ma ci sono e guai a non cercare di vederli. Col tempo e quasi per caso sono poi entrato nel mondo della subacquea tecnica e lì è iniziata una nuova avventura, ho conosciuto tantissime nuove persone alcune delle quali vedo quasi tutte le settimane e sono ormai dei cari amici. Proprio delle belle persone con le quali è bello passare i weekend in acqua facendo qualsiasi tipo di immersione, ma tenendo al centro di tutto sicurezza e serietà; il tutto con un grande Uomo come riferimento che trasmette una smisurata passione ed umiltà.

La subacquea tecnica mi ha portato ad un cambio di didattica che ora è il mio riferimento, che col tempo mi ha portato nel mondo delle Grotte e lì davvero si è aperta una nuova avventura in un ambiente duro, ostico, psicologicamente pesante, ma che permette di vedere cose che hanno un fascino inimmaginabile; grazie al Guru di prima ovviamente. Un anno fa poi visti i costi a cui era arrivato l’elio, con quelli che erano gli obiettivi esplorativi che ci si era messi in testa, ma poco realizzabili in OC sono entrato nel mondo dei REB, ma col passivo pSCR.

L’asticella si è nuovamente alzata, con una sfida nuova ed impegnativa, ma credo di averla portata a casa egregiamente ed alla fine non posso che dire di aver aggiunto nuova esperienza e possibilità di godermi questo mondo in modo diverso e più efficacie.

Insomma in 10 anni e con circa 1.000 immersioni, la strada percorsa è tanta, con gioie e dolori, ma con il vantaggio che questa passione mi ha permesso di conoscere tantissime persone di ogni parte del pianeta, con le quali c’è modo di discutere, condividere o solo farsi una grande risata davanti ad un aperitivo per poter parlare delle esperienze appena vissute assieme in acqua.

Sono 10 anni, ma l’unica cosa che mi sento di dire è grazie a chi mi ha permesso di crescere continuamente in questo mondo, ma soprattutto di amarlo profondamente.

Sentitevi tutti, amici ed amiche vicini e lontani, tutti salutati ed abbracciati!”

Giorgio Anzil

Regional Manager UTRtek e Responsabile dell'Organo di Stampa Ufficiale UTRtek Magazine

Una storia curiosa che nasce il 12 Luglio 1976
https://www.giorgioanzil.it/chi-sono/

Non perderti anche

Perchè un organo di stampa?

La creazione di un organo di stampa per la didattica

Messaggio del Presidente Massimo Barnini

Messaggio del Presidente Massimo Barnini

UJ2216, Le navire aux plusieurs noms

Mon partenaire glisse lentement autour de la pièce jumelle de